nemesis

Psicologia Clinica e Forense – Psicoterapia – Logopedia

Pensieri e Aforismi #112 Keller

Lascia un commento

#112-Keller


Lascia un commento

L’ESPERTO RISPONDE: 6 strategie utili per accompagnare il sonno dei bambini.

Sara e Umberto
dormire.600
Buongiorno, siamo una giovane coppia e genitori di uno splendido bambino di 3 anni e mezzo. Abbiamo trovato il suo nominativo sul sito del centro Nemesis in ricerca di un esperto nel supporto alla genitorialità. Da settembre dello scorso anno è diventato sempre più difficile portare a letto nostro figlio ad un’orario decente, perché al mattino si deve alzare presto per andare all’asilo. Ogni sera è una lotta per convincerlo e spesso ci arrendiamo perché siamo molto stanchi. Da sempre è abituato ad andare a dormire tardi insieme con noi perché poteva svegliarsi tardi il giorno dopo. Da settembre quando ha iniziato l’asilo abbiamo iniziato ad essere più attenti perché la mattina dopo fa molta fatica a svegliarsi presto ed arriviamo sempre tardi all’asilo. Le mattine e le sere sono diventate motivo di grande stress con pianti e reazioni capricciose da parte di nostro figlio. Al momento si addormenta tardi sul divano davanti alla televisione, praticamente crolla, si sveglia quando lo portiamo in braccio al letto e vuole restare con noi. In settimana durante la giornata è di cattivo umore, dorme 2 ore all’asilo al pomeriggio e a volte si addormenta in macchina quando lo porto a casa o in palestra.  Nel weekend invece siamo tutti quanti più rilassati e viviamo come prima di settembre, cioè con calma. Le chiediamo dei consigli pratici per superare questo momento difficile.

Gentili genitori, grazie per il vostro messaggio e per la vostra richiesta di consigli pratici. Tutti noi accettiamo con fatica i cambiamenti nelle abitudini di vita, e per un bambino questo è ancora più difficile perché tutte le sue sicurezze vengono messe in discussione. Vorrei soffermarmi sulla fase dello sviluppo in cui si trova attualmente vostro figlio:  specialmente dai 3 ai 4 anni, infatti, possono insorgere problemi di addormentamento legati al progredire del processo di separazione/individuazione. In questo periodo i bambini cominciano a percepire la propria personalità come indipendente e separata da quella dei genitori, di conseguenza l’andare a dormire e l’addormentarsi da soli potrebbero causare ansia.

I rituali, cioè la ripetizione degli stessi “schemi” di comportamento, sempre uguali giorno dopo giorno, rafforzano la sicurezza e la connessione all’interno della famiglia proprio perché vanno a costituire dei riferimenti esterni in più. Allo stesso tempo è importante tenere a mente che l’instaurazione di nuovi rituali, o un loro cambiamento, deve avvenire con gradualità e richiede tempo e pazienza.

Ecco alcuni esempi di rituali di addormentamento che possono essere combinati uno con l’altro:

  1. Scegliere il momento “giusto”: Ognuno di noi, già dalla tenera età, ha un orologio biologico interno che determina i ritmi di sonno e veglia. Nel vostro caso vi consiglio di anticipare lentamente il momento “giusto” fino ad arrivare all’orario che assicura al vostro figlio le ore di sonno necessarie a svegliarsi ben-riposato. Questo processo può durare settimane. Vi consiglio inizialmente di non distinguere fra giorni lavorativi e week-end per aiutare a ri-programmare il suo orologio interno.  
  2. Creare l’atmosfera e un ambiente confortevole: Unknown-1Il rituale di addormentamento può già iniziare con la cena e continuare con attività tranquille per stimolare l’arrivo del sonno. I giochi scatenati, la visione di programmi televisivi, i giochi al computer o sul tablet agiscono come degli stimolanti e allungano i tempi di addormentamento. L’ambiente favorevole al sonno dovrebbe avere inoltre una temperatura attorno ai 18-20°, un basso livello di rumore (abbassate il volume del televisore o della musica in casa) e una luce tenue. Esiste un collegamento fra la riduzione degli stimoli visivi e la produzione di melatonina, l’ormone secreto dall’epifisi che favorisce il sonno.Unknown-2

  3. Un bagno rilassante: Alcuni minuti trascorsi nell’acqua tiepida possono favorire il sonno. Il rituale dell’igiene personale e l’applicazione di creme sul corpo sono normalmente molto apprezzate dai bambini. Se invece il bagnetto lo stimola e lo ri-vitalizza, meglio spostarlo in un altro momento della giornata.

  4. La storia della buonanotte: La vicinanza di mamma e/o papà, un bel libro e la luce tenue dell’abat-jour sono gli ingredienti ideali per prepararsi al sonno. Ai bambini più piccoli normalmente piace guardare un libro illustrato insieme con i genitori; questa attività inoltre potrebbe servire da spunto per inventare e sviluppare nuove storie per iniziativa del genitore, del bambino o di entrambi. Un momento prezioso che il bambino conserverà tra i ricordi più belli della propria infanzia.
  5. Tante coccole con il massaggio: Una pratica in grado di trasmettere vicinanza, sicurezza e serenità è quella di praticare un massaggino leggero con movimenti rotatori della mano, sulla pancia o sulla schiena del bambino. I gesti dolci e il tocco leggero accompagnano il bambino in un sonno molto sereno.Massage of foots

  6. La dolce ninna-nanna rappresenta un’altra possibilità per entrare nella fase del sonno perché per i bambini è molto piacevole addormentarsi cullati dalla voce della mamma o del papá. Le ninne-nanne tradizionali, con le loro parole in rima e strofe ripetitive, rassicurano e rilassano il bambino. Va bene anche una canzoncina, anche se inventata (ma sempre uguale!), che il genitore intona con voce calma a ritmo lento.

Ogni famiglia è unica e può creare il proprio schema di comportamenti per chiudere la giornata. I rituali descritti possono essere anche combinati per creare un percorso che aiuta il bambino e i genitori a vivere la fine della giornata in maniera sicura e tranquilla.

Spero di esservi stata di aiuto. Non esitate a contattarmi nuovamente se avete delle domande.

Dott.ssa Alexandra Viechtbauer

 

Vuoi anche tu inviarci la tua domanda? Puoi farlo semplicemente collegandoti alla pagina 

esperto

 

 

Pensieri e Aforismi #110 De Montaigne

Lascia un commento

De Montaigne #110.png


Lascia un commento

L’importanza e i benefici del rilassamento

La nostra società è caratterizzata dallo stress, dalla frenesia e dalla mancanza di tempo. A chi non è mai capitato di lavorare ad un progetto che “doveva essere completato ieri” sotto grande pressione e senza tempo da perdere? Le nuove tecnologie e i processi innovativi ci hanno resi più produttivi ma alla fine abbiamo meno tempo di prima. stress

Quando si parla di stress, nel senso comune del termine, questo assume sempre una connotazione negativa perché viene usato per descrivere una situazione pesante e ricorrente. Esiste però anche lo stress positivo che ha un effetto stimolante ed eccitante, che nelle sfide, nello sport, in ambito lavorativo, o nella vita, ci aiuta ad ottenere risultati eccellenti.

In generale le reazioni allo stress sono importanti, perché hanno assicurato la sopravvivenza dell’umanità oltre ad essere una protezione per il corpo e per la psiche. È scritto nel nostro DNA, dall’alba dei tempi di fronte ad una fonte di stress si presenta una scelta: combattere o fuggire, così reagivano i nostri antenati di fronte ad una belva feroce che li minacciava. Nel nostro mondo però non sempre questa opzione è praticabile, siamo spesso infatti costretti dalle circostanze, per esempio sul posto di lavoro, a subire e non reagire, facendo il pieno di ormoni dello stress. La conseguente pressione psichica e fisica se non sfogata e contrastata tramite attività fisica, sportiva o tramite il rilassamento può creare problemi psichici o psicosomatici.

Le situazioni che possono causare stress vengono vissute da ogni persona in maniera diversa, e dipendono dalla personalità, dalle esperienze vissute, dalle risorse e dalle strategie di gestione dello stress. rilassamento-newEsattamente come per lo stress, anche le tecniche di rilassamento agiscono su corpo e mente con ricadute positive nella vita sociale influenzando le emozioni, i pensieri, e contribuendo allo sviluppo di soluzioni e alla flessibilità mentale.

 

Quali sono i benefici del rilassamento?

Il rilassamento origina una migliore percezione e conoscenza del corpo e favorisce la connessione fra corpo e psiche. Durante il rilassamento, il corpo si rilassa e il sistema neurovegetativo viene programmato verso la rigenerazione. L’attività del parasimpatico viene attivata e la distribuzione degli ormoni dello stress viene sospesa. Il respiro rallenta, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna diminuiscono e i muscoli si rilassano.

Nella mente i pensieri si calmano e nella sfera emotiva si sviluppa un sentimento di soddisfazione, benessere e tranquillità. Approfondendo le tecniche di rilassamento, acquisiamo la capacità di influire sullo stress e sul sistema neurovegetativo, aumentando al contempo la sicurezza in noi stessi. Mentalmente creiamo un buffer per la prossima situazione stressante. Nella vita sociale, il comportamento diventa più calmo e sereno e le relazioni vengono positivamente influenzate mentre diminuiscono aggressività e irritabilità.

Le tecniche più conosciute in ambito clinico sono:

  • Il training autogeno di Schultz
  • Il rilassamento progressivo di Jacobson
  • L’ipnosi e l’autoipnosi
  • La tecnica del Mindfulness di Kabat-Zin
  • La visualizzazione guidata

Qual’è il miglior modo di praticare il rilassamento?

Il rilassamento dovrebbe diventare un appuntamento fisso della propria giornata, come la colazione del mattino, se si riserva sempre lo stesso orario, sarà più facile metterlo in pratica giorno per giorno. In questo modo diventa un rituale e corpo e mente si abituano e lo richiedono. Il momento prescelto determina il successo del rilassamento: la tarda serata o subito dopo pranzo non sono i momenti migliori perché si rischierebbe di addormentarsi. Meglio al mattino presto, in una pausa lavorativa o prima di cena.  

tecniche-di-rilassamento-636x310

Per motivarsi a praticare il rilassamento regolarmente, serve una visione. Una visione che determina cosa si vuole raggiungere in un paio di mesi o in un paio d’anni. Una valida visione può essere quella di aumentare la propria produttività, il grado di serenità nella quotidianità o migliorare il proprio stato di salute psicofisico. In ogni caso è importante formulare la visione in maniera positiva per poter generare un immagine concreta nella propria mente. Tenere a mente la propria visione può aiutare a superare i momenti di criticità motivazionale.

Possono presentarsi degli ostacoli che apparentemente non ci permettono di eseguire il rituale del rilassamento. La strategia migliore è di cercare di prevedere questi ostacoli e di trovare delle soluzioni alternative che permettono di individuare comunque un momento da destinare al rilassamento.

Per poter beneficiare del rilassamento è importante allenarsi ed essere pazienti. A volte i primi effetti positivi si manifestano già dopo alcuni giorni. È importante perseverare con l’esercizio per poter ottenere dei benefici e per raggiungere la visione che ci siamo prefissati.

Dott.ssa Alexandra Viechtbauer
Psicologa, Specialista in Psicologia Clinica, dello Sport e dell’Alimentazione.

Pensieri e Aforismi #110 Yoshimoto

Lascia un commento

110-B- Yoshimoto

Pensieri e Aforismi #109 Lao Tsu

Lascia un commento


Lascia un commento

L’ESPERTO RISPONDE: Yoga nella prima infanzia… come funziona?

Buongiorno, leggo sempre più spesso che praticare yoga fin da piccoli aiuta la crescita globale del bambino. Anche al nido che frequenta il mio bambino è stato proposto; potreste darmi qualche informazione più precisa sulle modalità che vengono utilizzate con i più piccoli? Grazie. Marianna.

Buongiorno Marianna, fare yoga con i bambini della fascia di età 3-36 mesi significa dare loro l’opportunità di sperimentare fin da subito il loro corpo, le emozioni che esso suscita, le sensazioni e i pensieri.

Nei primi tre anni di vita del bambino si pongono le basi per la formazione della sua personalità futura: è dunque fondamentale stimolare al meglio tutte le sue abilità attraverso il tatto, il contatto, la postura del corpo, i movimenti più o meno ampi.Schermata 2018-05-02 alle 14.03.37

Nel nostro centro pratichiamo lo Yoga per bambini con il , un approccio che si basa sugli insegnamenti dell’educazione Neo-umanista, un filone della filosofia che focalizza il suo interesse sul rispetto di ogni forma vivente (esseri umani, flora, fauna) e non vivente dell’universo.  Del tutto differente dallo yoga classico, l’approccio con i piccolissimi è un approccio “in punta dei piedi”, ovvero molto morbido, delicato, non invasivo, sensibile ed empatico; sono numerosi i messaggi di rinforzo positivo che vengono dati ai bambini attraverso sorrisi, piccoli applausi, sguardi di gratitudine.

Lo schema degli incontri resta sempre lo stesso per dare maggiore sicurezza ai piccoli: dopo le routine di saluto ed apertura dell’incontro si eseguono piccoli riscaldamenti seguiti dalle posizioni yoga in coppia o da soli; molte asana prendono il nome di animali o di elementi della natura (cane, gatto, montagna, pesce,…). Successivamente vi è un massaggio e un breve momento di meditazione in cerchio che ha l’unico scopo di far abituare i bambini a restare in silenzio, con gli occhi chiusi ad ascoltare la quiete che li circonda.Schermata 2018-05-02 alle 14.03.22

Tutti gli incontri sono accompagnati da canzoncine, filastrocche e musica di sottofondo, in un clima di serenità e allegria.

Le consiglio vivamente di far provare questa esperienza al suo bambino, sarà divertente e davvero stimolante.

Yoga è sinonimo di benessere…e si inizia fin da subito a stare bene!!!  

esperto

 

cristina iosa logopedista

Pensieri e Aforismi #108 Shakespeare

Lascia un commento

#108-Shakespeare.png


Lascia un commento

La scrittura come coltivazione di sé

Schermata 2018-05-02 alle 13.57.26.png “È lunedì. Non so se sopravvivrò ad un’altra settimana, ho troppo da fare”. Capita anche a voi di pensarlo? A me sì, certe volte. È che la vita quotidiana sa essere davvero invadente. È incalzante, ricca di appuntamenti, incombenze, doveri e attività programmate, e lascia sempre meno spazio alla calma e alla lentezza (per non parlare dell’ozio tanto caro ai latini, che a nominarlo oggi pare quasi un’indecenza). Non che la velocità sia in sé un male, chiaro; eppure ci troviamo tutti sempre più proiettati verso l’esteriorità, la superficialità e la vita materiale, talvolta soffocando sotto mille impegni la nostra esistenza interiore, che ospita poi i nostri bisogni, desideri, gusti.

  Perché scrivere? Be’, innanzitutto per rallentare. Scrivere è come un processo digestivo che con la sua lentezza consente di metabolizzare ciò che viviamo, trasformando gli eventi in esperienze, consentendoci di gustarli. La scrittura può essere uno spazio tutto per noi, una tregua e un luogo in cui – per dirla con Hesse – “il guardare, l’osservare e il contemplare possono divenire sempre più abitudine ed esercizio”, un luogo in cui compiacersi del semplice accorgersi. Un luogo in cui stare, insomma.

  Rilke invitava a soffermarsi sui nostri ricordi e sulle nostre emozioni, su quel che abbiamo dentro: “la sua personalità si rinsalderà” scriveva, “la sua solitudine si farà più ampia e diverrà una casa al crepuscolo, chiusa al lontano rumore degli altri”. Ecco: essere in grado di abitare nella nostra solitudine, di renderla un suggestivo luogo di villeggiatura – anziché una tormentosa prigione – mi pare un obiettivo invitante.Schermata 2018-05-02 alle 13.57.49

  Ma com’è possibile riuscirci? Chi scrive d’abitudine si accorge – poco a poco – di racchiudere in sé una molteplicità di voci, ciascuna portatrice di posizioni personali, in un avvicendarsi di punti di vista, emozioni, convinzioni, impressioni. Virginia Woolf affermava: “La parola ‘io’ è soltanto una comoda designazione per nominare qualcuno che non esiste realmente”. Curioso, eh? Dar voce alle tante voci che ci abitano apre alla possibilità di dialoghi interiori, come in una messa in tensione psichica tramite cui rendiamo più articolata la nostra vita interiore. Dal “bianco o nero” ci si esercita a stare nelle sfumature, a rendere pensabili ambivalenze e conflitti, a riconoscere anche le nostre zone d’ombra. A far della solitudine una piacevole dimora.

  Ma di che stiamo scrivendo? Di noi stessi, naturalmente. Non facciamoci ingannare però, non è poi così importante di cosa scriviamo; fatti e fantasie possono tranquillamente mischiarsi, il ricordo e il diario si intrecceranno inevitabilmente con appunti sparsi, idee, bozze di racconti, conversazioni inventate o udite di sfuggita, vite degli altri. Per la Duras, “scrivere significa tentare di sapere che cosa scriveremmo se scrivessimo”. Ecco, il punto, più che scrivere di sé, è scrivere per sé. Sono qua, al bar, in cucina, sul letto, in treno, non importa: posso fermarmi, posso ascoltarmi, posso scrivere quel che mi va. Di qualsiasi cosa io scriva, il semplice farlo prova che, almeno per un momento, io posso curarmi di me. È un po’ come dirsi: sì, ci tengo a me, voglio dedicarmi del tempo.

  La scrittura, poi, ha un rapporto privilegiato con la creatività e la spontaneità che tutti noi portiamo dentro, è compagna dell’immaginazione e dell’esplorazione giocosa. La possibilità di immaginare noi stessi può essere ad un tempo terapeutica e divertente (nel senso proprio del termine). 01795adc-24d7-4d12-8378-9d9acc2656fbLe immagini interiori – le nostre fantasie e fantasticherie, i sogni ad occhi aperti (e anche chiusi) – hanno la capacità di esprimere la nostra esperienza emotiva sinteticamente e in forma visibile. Com’è la mia tristezza? È un prato innevato, terra che dorme in un inverno troppo lungo. Eccomi lì, è immediato, sono nel prato della mia tristezza. Ci sarà qualche animale? Almeno un fiorellino? Forse, se continuo a camminare, più in là troverò una casa…

  Affidarsi alle immagini che emergono dalla nostra mente, attribuendogli un valore reale, è giocare con noi stessi, è un darsi retta delicato e gentile. Scopriamo così – tramite la pratica della scrittura – la bellezza di entrare e uscire dai nostri racconti e ricordi. Col tempo l’ambiguità delle immagini evocate ci diventerà familiare, quasi complice in quel gioco serissimo che è rinarrarsi, ancora e ancora, da angolature sempre nuove. Qui risiede la possibilità di riappropriarci di noi e riconoscerci in una storia che ci somiglia, osservandoci ora con occhio benevolo, ora con amorevole rimprovero o distacco, concedendoci soprattutto la dedizione che meritiamo.

Dott. Martino Lioy, psicologo clinico,

specializzando in psicoterapia e psicodramma.

 

 

Pensieri e Aforismi #107 Detto Zen

Lascia un commento

#107-DettoZen